Francesco Santonastaso: non importa dove ti trovi, l’importante è crederci sempre

Sono molti i giovani  meridionali “emigrati” all’estero che, in questo momento storico, sono in grado di regalarci emozioni e soddisfazioni con un  cuore silenzioso e riflessivo. E’ un po’ così è anche lui, ragazzo di valore e di valori, emigrato lontano ma saldamente e follemente legato alle sue origini.

Francesco Santonastaso originario di Caserta vive attualmente a Parigi , una storia di sacrifici e rinunce con cui facciamo i conti tutti i giorni, purtroppo.

Francesco Santonastaso: ho 28 anni sono di Caserta lavoro da quando avevo 14 anni anche se molto giovane avevo voglia di ampliare le mie conoscenze in maniera ossessiva, studiavo continuamente, mi affascinava tantissimo la panificazione e la pizza, consapevole di non imbattermi in un percorso facile mi sono impegnato con tutto me stesso. Ho iniziato in cucina come aiuto cuoco e contemporaneamente mi offrivo come aiuto pizzaiolo perchè in realtà era quello il mio sogno. Mi incuriosivano le tecniche d’ impasto, le stesure e la fatica che richiedeva un prodotto finito. Così ho iniziato a sperimentale dapprima da solo e poi confrontandomi con i miei colleghi. Cosa che faccio continuamente anche oggi che lavoro a Parigi come pizzaiolo.

Conservo ancora nel cuore le prime emozioni che ho provato quando mi sono avventurato in questo mondo e l’attimo in cui ho indossato la prima giacca con sopra il mio nome che sono riuscito a far realizzare dopo 5 mesi di lavoro. Ho studiato tante tecniche, azzardato tantissimi impasti ma la pizza che propongo sempre ai miei clienti è la ” Margherita” inconfondibile simbolo di terra , origini e tradizioni. Mi ricorda tanto casa e mia madre che con amore e sacrificio ha assecondato e supportato le mie scelte rendendomi quello che sono. Sono fiero di me stesso, adesso sò che i sogni non sono solo un punto d’arrivo ma uno spunto per poi averne altri e bisogna lottare sempre per realizzarli. Il mio prossimo progetto è avere un’attività tutta mia, chissà forse in Italia o forse quì a Parigi, sò già che prima o poi ci riuscirò.